Fisica del tuffo

Cosa si intende quando si parla di fisica del tuffo? Quando si parla di fisica del tuffo si intende il modo in cui ci si tuffa, ovvero in che modo si avrà l’impatto con l’acqua. Non bisogna mai abbandonare la tecnica quando si inizia un tuffo ed è questa l’importanza e la capacità del preparatore che deve cercare di evitare qualunque tipo di problema, ed inoltre deve fare la differenza, proprio per fare in modo che non si provochino dei rischi, ma si riesca a determinare la giusta forza fisica con cui realizzare il tuffo perfetto e sicuro per voi.

Bisogna dividere il tuffo in quattro fasi principali, ovvero quella dello sbilanciamento, quello della spinta, quello del volo e quella dell’atterraggio.
Per quanto riguarda lo sbilanciamento c’è da dire che è la fase precedente al tuffo, ovvero quella in cui si perde l’equilibrio e si va verso la piscina. Il corpo deve essere posto in avanti, in modo tale da poter garantire l’esatta dinamica del tuffo, che si andrà a fare e si tratterà pur sempre di uno sbilanciamento che ti consentirà di dare già la prima forma al tuffo che andrete a fare.
Poi c’è la fase della spinta, quella in cui la parte intera del vostro corpo dà la spinta giusta per garantire il tuffo corretto e si tratta sempre di una fase più terribilmente fisica. È proprio in base alla spinta che darete, infatti che si determinerà la potenza del tuffo e quindi, la velocità, con cui verrà fatto ed ovviamente, più aumenta la crescita, più sarete in grado di dare la giusta spinta senza perdere l’equilibrio precedentemente, e quindi magari rischiando di fare semplicemente un salto nel vuoto. Una volta che saranno stabiliti questi due termini tecnici che andranno a determinare quello che è un tuffo da un punto di vista più propriamente fisico, allora si può procedere finalmente con il volo, che è il momento clou del vostro tuffo, infatti è proprio il momento in cui dovete cercare di mantenere la vostra posizione e poi cercare di raggiungere quella che deve essere la posizione determinata per il finale del vostro tuffo, in base al tipo di tuffo che avete deciso di fare ed avete già comunicato prima della gara.

È importante in questa fase riuscire a mantenere ferma la propria posizione e farlo senza farsi distrarre da quelli che possono essere i momenti finali. Infine, c’è un’importantissima fase dell’atterraggio, ovvero quella che a volte può essere anche dolente dove si deve cercare di mantenere una posizione perpendicolare, all’acqua in modo tale da riuscire a rompere quella che è la superficie e farlo senza però causare uno squilibrio anche da un punto di vista dell’ordine nell’acqua. Insomma, da un punto di vista fisico sono tanti gli elementi da tenere in considerazione quando si fa un tuffo ed è proprio per questo che bisogna lanciarsi subito con la giusta tecnica, oppure si rischierà di non riuscire a raggiungere l’obiettivo che si era prefissato, il vostro preparatore nel momento, in cui ha stabilito insieme a voi il tuffo da realizzare.